Italia, Immigrazione e Kebab

La storia di Fernat, un immigrato turco fuggito dalla sua terra natale per motivi politici.

Arrivò nel ’99 in Italia insieme alla sua famiglia da Istanbul, dopo aver studiato nel nostro paese, aprì un rosticceria specializzata nella cucina turca, in particolare il Kebab, la quale si trova a Carmagnola.

A causa del  molto lavoro, Fernat è stato l’unico, nel suo campo, a concederci un’ intervista, per il fatto che tutti gli altri erano molto occupati..

Questo ci fa capire che il Kebab è molto apprezzato e diffuso in Italia.

Siamo stati fortunati a trovare un kebabbaro turco, perchè ormai la maggior parte dei kebabbari è di origini egiziana. Il Kebab  è un piatto prettamente di origine turca preparato con vari tipi di carne (in genere agnello, pollo e manzo), vari tipi di spezie (origano, menta, coriandolo, cumino, peperoncino, cannella, ecc.), varie salse e verdure. Il tutto avvolto in una piadina o in un panino.

Questa specialità ha trovato particolare diffusione in Europa a partire dalla città di Berlino grazie a Kadir Nurman (morto il 26 ottobre 2013), immigrato turco che nel 1972 realizzò il primo Kebab. Questo sviluppo e diffusione sono stati favoriti dall’elevato numero di immigrati turchi (non solo nella capitale ma in tutta la Germania) che spesso gestiscono i numerosissimi chioschi presenti in città.

Nurman

Add Comment Register



Leave a Reply